raimbow_2

alexcapurso@gmail.com

+39 392 175.15.94

Via Dei Peuceti, 104 - 70023 Gioia del Colle (Ba)

monte sanare

Termini del Serivizio

Cookie Policy

All Rights reserved by Studio Graphica snc I ©2021

Policy Privacy

marchio alessandro_red
anamnesis_positivo
image-626

instagram
twitter
linkedin
youtube
whatsapp
phone
mostre

LE MOSTRE


instagram
twitter
linkedin
youtube
whatsapp
phone

i miei pensieri

Nebbie

2021-01-10 14:01

Alessandro

news, nebbia, fog,

Nebbie

Fotografare nella nebbia è molto diverso rispetto a fotografare in qualunque altra condizione: le scene non sono per nulla chiare e definite.

schermata2021-01-10alle14-53-44-1610287220.png

Fotografare nella nebbia è molto diverso rispetto a fotografare in qualunque altra condizione: le scene non sono per nulla chiare e definite. Spesso sono inoltre prive di contrasto e di saturazione del colore, nonché la luminosità della scena intera è molto bassa.

Ad essere differente è anche la sorgente di luce: possiamo paragonare la nebbia ad un softbox dove la luce viene proiettata in maniera diffusa piuttosto che da una ben determinata fonte. Questo ovviamente incide drasticamente sull’intensità luminosa, sulle ombre e di conseguenza sulla profondità dello scatto.

 

Cosa c’entra la nebbia? Alida, ci dice il narratore, è come avvolta dalla nebbia, uno stato mentale, prima di tutto, una forma di smarrimento, per cui “quello che le succedeva di giorno aveva l’aria di un sogno di notte”. Anche nei suoi sogni c’è la nebbia. Ogni notte Alida sognava di perdersi per corridoi pieni di nebbia. Questa “veniva giù come una polvere biancastra che bloccava tutte le uscite”. 

 

Un racconto di Gianni Celati che s’intitola Nella nebbia e nel sonno, pubblicato in Cinema naturale (Feltrinelli), un libro del 2001.

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder